Il Server Irriguo ALADIN – Agroalimentare IdroIntelligente

 

Il progetto Agroalimentare Idrointelligente – ALADIN, cofinanziato dai Fondi Europei della Regione Emilia-Romagna (POR-FESR 2014-2020), ha visto un’intensa attività di ricerca e sperimentazione durata oltre due anni (2016-2018) e condotta da una dozzina tra partner scientifici e aziende del settore.

Il progetto è stato gestito da CIDEA Parma in collaborazione con T&A tech, CER, CRPA Lab, SSICA, UniBO, Arpae, Stuard.

ALADIN ha integrato protocolli operativi e nuove tecnologie meccaniche e informatiche per l’irrigazione a rateo variabile, creando le condizioni per l’irrigazione di precisione delle colture intensive di pieno campo, mais e pomodoro in particolare in quanto oltre ad essere coltivazioni idroesigenti presentano anche delle problematiche di qualità connesse alla disponibilità idrica nel corso del loro ciclo di sviluppo.

Le attività delle diverse linee di lavoro del progetto sono venute a sintesi nel prototipo di Server Irriguo Aladin che realizza l’irrigazione intelligente/smart a rateo variabile in modo automatico.

Il Server Aladin realizza un protocollo irriguo che si avvale di due servizi esterni. Il primo riguarda il rilevamento dell’esigenza idrica delle colture attraverso dei sensori a terra, un drone (UAV) o un satellite (Sentinel2). Il secondo è rappresentato dal servizio Irrinet del CER, che tratta i dati dell’esigenza idrica e restituisce una “ricetta irrigua” variabile.

ALADIN dopo aver sviluppato e validato soluzioni innovative di tipo sensoristico di pieno campo per il monitoraggio dello stress idrico delle colture, ha messo a punto tecnologie per il rilievo delle condizioni di sviluppo delle colture tramite telerilevamento da droni e/o satellite, per la produzione di mappe georeferenziate. Integrando queste ultime con il servizio di assistenza irrigua Irrinet e sviluppando nuove tecnologie per macchine irrigue semoventi, ha completato la sequenza funzionale attraverso un protocollo di irrigazione di precisione completamente automatico.

Per Informazioni e Approfondimenti:

Prof. Renzo Valloni – renzo.valloni@unipr.it

Prof. Agostino Gambarotta – agostino.gambarotta@unipr.it

 

 

Gestione efficiente e sostenibile delle risorse idriche in agricoltura: sistemi di irrigazione intelligente e riuso delle acque reflue

Si svolgerà il 7 Novembre dalle 9.30 alle 13.00 l’evento sulla gestione efficiente e sostenibile delle risorse idriche organizzato da Ecomondo in collaborazione con l’Università di Bologna, Università Politecnica delle Marche, ANBI, Confagricoltura, Horizon2020 SWAMP Consortium, Horizon2020 HYDROUSA Consortium.

Secondo quanto riportato dall’OCSE, l’agricoltura utilizza circa il 70% dell’acqua prelevata oggi nel mondo e contribuisce anche all’inquinamento delle acque dovuto ad eccessi di nutrienti, pesticidi e altri inquinanti. In uno scenario a breve-medio termine, la crescente pressione derivante dall’urbanizzazione, dall’industrializzazione e dai cambiamenti climatici genererà per il comparto agricolo una maggiore concorrenza per lo sfruttamento delle risorse idriche. Inoltre, il cambiamento climatico potrebbe influenzare l’approvvigionamento idrico per l’agricoltura attraverso una mutata distribuzione stagionale delle precipitazioni, nonché tramite una sempre maggiore incidenza e gravità degli eventi estremi quali alluvioni e siccità. La gestione sostenibile ed efficiente dell’acqua in agricoltura è pertanto fondamentale per aumentare la produzione agricola, garantire che l’acqua possa essere condivisa con altri utenti e mantenere i benefici ambientali e sociali dei sistemi idrici a servizio del settore agricolo. In tal senso, i Governi e la società devono migliorare la sostenibilità economica e l’efficacia ambientale delle politiche che mirano a incrementare l’efficienza nell’uso delle risorse idriche e a ridurre l’inquinamento idrico causato dai sistemi agricoli. Soluzioni eco-innovative e digitali, come il riutilizzo delle acque reflue e l’irrigazione di precisione, anche con l’utilizzo di tecnologie ICT e IoT, possono svolgere un ruolo importante per la sostenibilità del nesso acqua-energia-carbonio-cibo.

Per Informazioni e Iscrizioni: https://www.ecomondo.com/link/relatori/e10049991/aurora-seco.html